Classifica Finale

Sezione INEDITI – CLASSIFICA

ARTISTA VOCALITA’ INTERPRET. PRESENZA SCENICA BRANO TESTO CRITICA TOTALE CLASS.
Giovanni Leone  84 91  77  80 73  80  81  III
Lucia Mancini 77 88 66 69 77 72 75

III class. sezione INEDITI: Giovanni Leone

Premio Miglior Brano: Giovanni Leone

Premio Miglior Testo: Lucia Mancini

Premio della Critica: Giovanni Leone

Sezione EDITI – CLASSIFICA

ARTISTA VOCALITA’ INTERPRET. PRESENZA SCENICA TOTALE CLASS.
Sara Caratelli  91 88 80   86  III
Giulia Molari 77 90 68 78
Maria Antonietta Pennino 83 69 77 76
Manila Statelli 72 80 72 75
Ana Maria Dascalu 72 77 72 74
Lara Bassetti 72 77 72 74
Rosa Odierna 69 77 77 74
Letizia Zappone 66 77 69 71
Silvia Felici 66 66 66 66
Martina Miliucci 54 58 66 59

III class. sezione EDITI: Sara Caratelli

Commenti (6)

  • con quale criterio organizzate un concorso canoro senza 1 e 2 posto? se per voi la 3 qualificata era la migliore,perchè non l’avete classificata al primo posto? e davate spazio anche al altri concorrenti di classificarsi?e avete un bel criterio di osservazione a dare punteggi e leggendo il regolamento leggevo che la valutazione dei concorrenti era su base di canto classico che differenza per voi il classico dal leggero? Il mio punteggio a voi staff dello spettacolo è 0

  • Un Amico della Musica

    Il criterio per l’assegnazione delle posizioni in classifica è l’unica cosa che si salva. Chi si è fatto una marea di concorsi di musica nella vita sa benissimo che si può arrivare 3° pur essendo da soli a partecipare nella categoria… ed è giusto così… per il resto…

    1) Voto ZERO al Fonico… rinomato SORDO ternano… ero stato nello stesso teatro 2 settimane prima ad ascoltare un musical, ed ero rimasto impressionato positivamente dall’impianto… durante il festival ha fatto pena. Timbrica inesistente, tempi di attesa lunghissimi, ZERO!!!

    2) Voto UNO alla giuria… scontata… e sicuramente “corrotta”. Valutazioni ordinarie, ingannate dalla canzone più che dalla prestazione canora. Se vogliamo fare i nomi… spiegatemi come fa una SILVIA FELICI a prendere la sufficienza in vocalità…?? Enormi problemi di intonazione, ritmici, di respirazione. Timbrica vocale discutibilissima, musicalità pressochè invalutabile… c’è da aggiungere altro? a parte il fatto che non è neanche arrivata ULTIMA? ah si… il fatto che dovrebbe essere allieva della TRABALZA? 😛 per lo meno una Martina Miliucci, per quanto goffamente enfatizzate, ha delle doti timbriche di tutto rispetto, magari sulle quali lavorare, ma almeno uno straccio di base c’è. FELICI stesso voto in VOCALITA’ di ZAPPONE… interessante. Si ok, la “OXA” aveva problemini di intonazioni non trascurabili, ma almeno dal canto suo una notevole estensione…. non che meritasse il 66 neanche lei ma… a PARAGONE era una Sara K.
    La Pennino che prende il terzultimo punteggio in INTERPRETAZIONE???? non sarà stata un’esecuzione personalissima, ma almeno aveva un filo musicale, supportato da una decenza tecnica anche se a volte poteva risultare “pesante”.

    3) VOTO UNO anche all’organizzazione, che non ha capito il basso livello dei partecipanti al concorso, ritrovandosi a dare punteggi espliciti e separati… pressochè tutti i concorrenti sufficienti in tutte le voci… ma neanche un PRIMO o SECONDO POSTO… schiacciati… voti enormemente compressi… per un attimo immaginatevi ad un banco di scuola… se la ZAPPONE prende 7+ (71) come fanno una Molari o una Pennino a non arrivare neanche all’8 (76 e 78). Forse bisognava dare istruzioni alla giuria… o tenere nascosto al pubblico questo scempio.

  • Caro Amico della Musica, innanzi tutto io rispondo con il mio nome e cognome e non celo i miei post dietro nickname che non fanno capire chi è l’interlocutore.
    So che la parola “corruzione” è molto di moda in Italia, ma per essere utilizzata ha bisogna di una contropartita in denaro o in grossi favori: che cosa avrebbe avuto in cambio la giuria del Festival di San Valentino per essersi lasciata “corrompere”?
    Martina Miliucci non è che ha avuto “problemi” di intonazione, ha direttamente cantato praticamente una terza sopra: è strano che tu non ne abbia fatto menzione. Ha sicuramente un timbro interessante e riconoscibile, su tutto il resto c’è da lavorare ma visto che è anche molto giovane otterrà sicuramente dei buoni risultati con la guida giusta.
    La valutazione sull’interpretazione della Pennino non ha niente a che fare con le sue indiscusse doti tecniche: ritengo che abbia delle grandi potenzialità, ma non ha saputo sfruttarle adeguatamente rendendo il brano troppo appesantito da un’esagerazione di “fioriture”.
    L’organizzazione non ha dato nessun punteggio ai partecipanti, visto che c’è stata una giuria per questo.

    prof.ssa Stefania Trabalza

Rispondi